25 aprile: Arena di pace e disarmo

Scritto da Redazione Glob011 il 24 Marzo 2014

25 Aprile a all’Arena di Verona, una giornata di resistenza e liberazione: l'Arena di pace e disarmo un grande raduno per la pace e la solidarietà. In risposta a un appello (qui sotto) firmato da un lunghissimo elenco di attivisti, intelletuali, uomini e donne di cultura, di fede e di impegno civile.

L'obiettivo è quello di organizzarsi in rete civile di resistenza. Come in tempi di occupazione e di dittature. Una rete di resistenza contro la guerra, contro la cultura della guerra, contro l'economia della guerra, contro la finanza della guerra. Contro la violenza sociale, culturale, economica e mirale inflitta dal sistema globale alla maggiornaza della popolazione mondiale.

Una rete per "Scrollarsi dalle spalle illusioni e paure, rimettersi in piedi con il coraggio della responsabilità e della partecipazione per disarmarci e disarmare l’economia, la politica, l’esercito." conclude l'appello. Tutto è detto.

--------------------------

L’Appello

La guerra è il suicidio dell’umanità (Papa Francesco)
Solo la nonviolenza ci salverà (Mahatma Gandhi)

25 aprile 2014, all’Arena di Verona, una giornata di resistenza e liberazione.

La resistenza oggi si chiama nonviolenza
La liberazione oggi si chiama disarmo

Premessa

L’Italia ripudia la guerra, ma noi continuiamo ad armarci.

Crescono le spese militari, si costruiscono nuovi strumenti bellici.

Il nostro Paese, in piena crisi economica e sociale, cade a picco in tutti gli indicatori europei e internazionali di benessere e di civiltà, ma continua ad essere tra le prime 10 potenze militari del pianeta, nella corsa agli armamenti più dispendiosa della storia.

Ne sono un esempio i nuovi 90 cacciabombardieri F35, il cui costo di acquisto si attesta sui 14 miliardi di euro, mentre l’intero progetto Joint Strike Fighter supererà i 50 miliardi di euro; il nostro paese, inoltre, “ospita” 70 bombe atomiche statunitensi B-61 (20 nella base di Ghedi a Brescia e 50 nella base di Aviano a Pordenone) che si stanno ammodernando, al costo di 10 miliardi di dollari, in testate nucleari adatte al trasporto sugli F-35.

Gli armamenti sono distruttivi quando vengono utilizzati e anche quando sono prodotti, venduti, comprati e accumulati, perché sottraggono enormi risorse al futuro dell’umanità, alla realizzazione dei diritti sociali e civili, garanzia di vera sicurezza per tutti.

Gli armamenti non sono una difesa da ciò che mette a rischio le basi della nostra sopravvivenza e non saranno mai una garanzia per i diritti essenziali della nostra vita – il diritto al lavoro, alla casa e all’istruzione, le protezioni sociali e sanitarie, l’ambiente, l’aria, l’acqua, la legalità e la partecipazione, la convivenza civile e la pace; e inoltre generano fame, impoverimento, miseria, insicurezza perché sempre alla ricerca di nuovi teatri e pretesti di guerra; impediscono la realizzazione di forme civili e nonviolente di prevenzione e gestione dei conflitti che salverebbero vite umane e risorse economiche.

Per immaginare e costruire già oggi un futuro migliore è indispensabile, urgente, una politica di disarmo, partendo da uno stile di vita disarmante.

Proposta

Per questo proponiamo la convocazione di una iniziativa nonviolenta nazionale: un grande raduno, di tutte le persone, le associazioni, i movimenti della pace, della solidarietà, del volontariato, dell’impegno civile, che faccia appello non solo ai politici ma innanzitutto a noi stessi, chiedendo a chi vi parteciperà di assumersi la responsabilità di essere parte del cambiamento che vogliamo vedere nel mondo.

Obiettivo

Scrollarsi dalle spalle illusioni e paure, rimettersi in piedi con il coraggio della responsabilità e della partecipazione per disarmarci e disarmare l’economia, la politica, l’esercito.

Le Firme

Tra i primi firmatari dell'appello si trovano personnaggi e nomi di estrazioni molto dioverse. come, per citarne solo alcuni,

Alex Zanotelli, Mao Valpiana, Efrem Tresoldi, Elisa Kidanè, Riccardo Bonacina, Pietro Raitano, Carlin Petrini, Susanna Camusso, Maurizio Landini, Goffredo Fofi e Maurizio Pallante, Renato Sacco, Luigi Ciotti , Moni Ovadia e Fiorella Mannoia, Gianni Minà, Riccardo Troisi, Monica Di Sisto, Gianluca Carmosino, Marco Calabria, Alberto Zoratti...  Andare alla pagina delle sottoscrizioni


I Comitati

SI sono lanciati in varie città d'Italia i Comitati promotori locali di Arena Pace e Disarmo, che dopo il 25 aprile diventeranno i comitati promotori della Campagna di opzione nonviolenta per il disarmo e la difesa civile. Nuclei resistenti che si impegnano nella lotta di liberazione nazionale dalla cultura violenta, dalla guerra e dalla cultura bellica dominante.

Link: http://arenapacedisarmo.org/

Info: Associazione Arena di Pace e Disarmo.  via Spagna, 8 – 37123 Verona

tel. e fax 045 8009803

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento